consiglio tecnico per luci presepe

Discussioni riguardanti attrezzature e materiali da usare per la creazione dei nostri Presepi.

Moderatori: fabiocerr, ciro49, Parmenione

emacr
Aspirante Presepista
Aspirante Presepista
Messaggi: 6
Iscritto il: gio apr 10, 2008 11:19 am

consiglio tecnico per luci presepe

Messaggio da emacr » lun dic 15, 2008 2:24 pm

Salve a tutti
non so se potete aiutarmi,
Ho una serie di luci da 20 (pisellini)
ma mene occorrono solo 10 per il mio presepe
come posso fare per creare una serie con meno luci?
Ho pensato che forse dovevo mettere una resistenza in serie
ma non saprei calcolarla.

Spero in un vostro aiuto

Grazie
e3m4

Il nostro angolo pubblicitario:

Messaggio pubblicitario
 

Avatar utente
costaplus
Presepista Junior
Presepista Junior
Messaggi: 167
Iscritto il: lun dic 11, 2006 11:50 pm
Località: MILANO

ci provo

Messaggio da costaplus » lun dic 15, 2008 7:18 pm

Se ci pensi bene, dividi le lucette per la tensione ti troverai una tensione per singola lampadina da 12 volt circa ..... e sono in serie ...... ovvero la tensione passa da una lampadina all'altra completando la tensione di 240 volt circa .....

quindi se tu usi un'alimentatore stasbilizzato e mettendo in serie le lucette puoi tranquillamente usarne solo 10 ......

spero di essere stato chiaro ... se poi non lo hai capito ti spiego meglio ...

emacr
Aspirante Presepista
Aspirante Presepista
Messaggi: 6
Iscritto il: gio apr 10, 2008 11:19 am

Re: ci provo

Messaggio da emacr » mar dic 16, 2008 8:50 am

Ci ho pensato bene e sono arrivato al risultato che se 20 lampadine mi ppongono una certa resiatenza 10 lampadine me ne opporranno la metà
quindi mi arriverà il doppio della tensione alle lampadine e probabilmente (credo sicuramente) si "bruceranno" tutte.
Non e' cosi' forse?

però se mi spieghi meglio la tua teoria, forse...

Ti saluto e grazie della risposta
e3m4

Avatar utente
edi1973
Presepista Junior
Presepista Junior
Messaggi: 220
Iscritto il: mar nov 27, 2007 12:38 pm
Località: Foligno
Contact:

Re: ci provo

Messaggio da edi1973 » mar dic 16, 2008 11:18 am

costaplus ha scritto:
quindi se tu usi un'alimentatore stasbilizzato e mettendo in serie le lucette puoi tranquillamente usarne solo 10 ......
credo si riferisse al fatto che puoi prendere tutte le luci che vuoi, fai la somma dei volt e poi prendi un alimentatore che in uscita dia quel voltaggio

es. 10 lampadine x 12 volt = 120 Volt ergo metto l'uscita dell'alimentatore a 120 Volt

giusto?

ciao
Emanuele
---------------------------------------------------------
La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro.
Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare.
(Arthur Schopenhauer)
---------------------------------------------------------

Avatar utente
costaplus
Presepista Junior
Presepista Junior
Messaggi: 167
Iscritto il: lun dic 11, 2006 11:50 pm
Località: MILANO

Ciao ragazzi

Messaggio da costaplus » mar dic 16, 2008 2:34 pm

Capisco che forse per chi non ha una minima conoscenza dell'elettronica giustamente non capisce la differenza ... vi rimando ad un'ottima spiegazione trovata su wikipedia che spero vi possa aiutare ...

http://it.wikipedia.org/wiki/Circuiti_i ... _parallelo

comunque quello che devi fare tu e mettere le 10 lucine tutte in parallelo

non sto a farti una lezione completa ma fai finta che le (R1,R2,R3) sono le tue lucette, e ad ognuno di loro in questo modo arriva la stessa tensione dell'uscita dell'alimentatore (12 volt)
Immagine


mentre se mettessimo in serie e cioe uno collegato di fianco all'altro come sotto :
Immagine

dovremmo alimentarlo con la somma delle tensioni singole (12+12+12 = 36 volt).
Quindi ricapitolando la tua serie di lucette da 20 vuol dire 12 * 20 = 240 volt la tensione alternata di casa ci siamo ? ....

Non vogLio fare una lezione di elettronica ma penso che in questo modo di aver spiegato almeno la differenza ..... se ci sono altri dubbi scrivetemi pure vi aiuto ....

Gheroppa
Presepista Junior
Presepista Junior
Messaggi: 134
Iscritto il: ven nov 28, 2008 1:15 pm

Messaggio da Gheroppa » mar dic 16, 2008 3:27 pm

Ottima spiegazione, attenzione però che le lucine siano ora messe in serie e non come molte collegate su piu uscite per creare gli effetti piu strani...premesso questo per semplificare quanto perfettamente spiegato e tradurlo in un linguaggio adatto a noi non eccelsi elettronici :)....
Diciamo che ora hai 2 fili che partono dalla spina, uno vedrai che va a un piedino della prima lampadina parte dal secondo piedino e va ad un'altro della lampadina dopo e cosi via, cosi facendo se sono 20 lampadine collegate alla 220V ognuna lavorera a 11V, se tu ne vuoi usare solo 10 di queste lampadine hai due strade, la prima difficilmente praticabile è tagliare via 10 lampadine e collagre il tutto a un trasformatore che ti porti a 110V la tensione, ma non facilissimo trovare il trasformatore e i collegamendi sono PERICOLOSI, 110V in uscita dal trasfo è cmq una tensione pericolosa per l'essere umano, l'altra strada è staccare tutte le lampadine una per una e collare un trasformatore che abbia 12V in uscita, le lampadine ora le collegherai non come prima ma ogni piedino a un filo e da quello all'altro piedino dell'altra lampadina, ogni piedino collegato direttamente all'uscita del tarsformatore, un piccolo alimentatore di quelli a spina dovrebbe bastarti andando a spanne sull'assorbimento delle lucine a pisello.
sembra di sentirlo ancora dire al mercante di liquore: "tu che lo vendi cosa ti compri di migliore?" (De Andrè)

Avatar utente
edi1973
Presepista Junior
Presepista Junior
Messaggi: 220
Iscritto il: mar nov 27, 2007 12:38 pm
Località: Foligno
Contact:

Messaggio da edi1973 » mer dic 17, 2008 8:36 am

Ho parlato dei 120 Volt perchè spiegavo quello di Costaplus che parlava di metterle in serie ;)
comunque si, hai ragione, non serve cercare alimentatori da 120 visto il loro costo, meglio in parallelo da 12... per quanto riguara la pericolosità comunque tutto è relativo, bisogna collegare 10 lampadine mica la centrale dell'Enel? :)
forse dipende anche dalla praticità di chi le utilizza, non so cosa dirti. Quest'anno per mancanza di tempo ho modificato la lunghezza delle mie serie cinesi e ho mantenuto i 220 Volt, l'anno prossimo penseremo nel caso a modificarle.. adesso però ho altri problemi.. i colori :(

ciao
Emanuele
---------------------------------------------------------
La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro.
Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare.
(Arthur Schopenhauer)
---------------------------------------------------------

emacr
Aspirante Presepista
Aspirante Presepista
Messaggi: 6
Iscritto il: gio apr 10, 2008 11:19 am

Messaggio da emacr » gio dic 18, 2008 8:49 am

edi1973 ha scritto:Ho parlato dei 120 Volt perchè spiegavo quello di Costaplus che parlava di metterle in serie ;)
comunque si, hai ragione, non serve cercare alimentatori da 120 visto il loro costo, meglio in parallelo da 12... per quanto riguara la pericolosità comunque tutto è relativo, bisogna collegare 10 lampadine mica la centrale dell'Enel? :)
forse dipende anche dalla praticità di chi le utilizza, non so cosa dirti. Quest'anno per mancanza di tempo ho modificato la lunghezza delle mie serie cinesi e ho mantenuto i 220 Volt, l'anno prossimo penseremo nel caso a modificarle.. adesso però ho altri problemi.. i colori :(

ciao
Emanuele
Innanzitutto ringrazio tutti per i vari consigli.
Alla fine ho optato per la soluzione che ha trovato edi1973,
Ho separato le 10 lucine che non mi interessavano con una bella prolunga e le ho nascoste ben bene dietro il pannello del presepe, usando cosi' la 220v
Ma la soluzione (che proverò appena possibile), potrebbe essere quella di alternare ad ogni lucina una resistenza di 4 ohm circa, che dovrebbe essere quella di ogni lucina.

Grazie ancora a tutti e se mi riescono bene farò delle foto al mio presepe
(il primo in assoluto) e gradirei dei commenti positivi o negativi che siano

Saluti
e3m4

Avatar utente
edi1973
Presepista Junior
Presepista Junior
Messaggi: 220
Iscritto il: mar nov 27, 2007 12:38 pm
Località: Foligno
Contact:

Messaggio da edi1973 » gio dic 18, 2008 9:06 am

Aspettiamo curiosi le foto ;)

ciao
Emanuele
---------------------------------------------------------
La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro.
Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare.
(Arthur Schopenhauer)
---------------------------------------------------------

Avatar utente
costaplus
Presepista Junior
Presepista Junior
Messaggi: 167
Iscritto il: lun dic 11, 2006 11:50 pm
Località: MILANO

Messaggio da costaplus » gio dic 18, 2008 11:02 am

emacr ha scritto: Ma la soluzione (che proverò appena possibile), potrebbe essere quella di alternare ad ogni lucina una resistenza di 4 ohm circa, che dovrebbe essere quella di ogni lucina.
Non ha senso questa soluzione anche perche' non puoi usare le resistenze solo per creare una caduta di tensione purtroppo si crea anche il fenomeno "EFFETTO JOULE" che riscalda il componente quindi dovresti usare una resistenza ceramica che supporta il calore ...
provo a darti una spiegazione .....

Una resistenza R attraversata da una corrente elettrica I provoca una caduta di tensione e l'effetto Joule.

CADUTA DI TENSIONE
Quando una corrente elettrica I attraversa una resistenza R, tra l'ingresso e l'uscita del componente si crea una diminuzione di tensione ovvero una caduta di tensione. Il calcolo di questa diminuzione, cioè della tensione misurata in volt ai capi della resistenza, si esegue sempre con la legge di Ohm:
caduta di tensione = R x I
ESEMPIO: Un utilizzatore (indicato con un rettangolo in figura) è alimentato da un circuito avente resistenza R=50 ohm. Poichè la corrente è pari a 2 ampere, sulla resistenza R si ha una caduta di tensione pari a 50x2=100 volt e i 230 volt iniziali scendono, sull'utilizzatore, a 130 volt.
Immagine

In un impianto elettrico la resistenza R dei cavi si può considerare costante nel tempo. Quindi la caduta di tensione può variare solo al variare della corrente assorbita.
Maggiore è la corrente assorbita, minore tensione è applicata all'utilizzatore

ESEMPIO: in alcuni edifici, alla partenza della pompa dell'autoclave, si ha un momentaneo abbassamento della luminosità delle lampade: un maggior assorbimento di corrente produce una maggiore caduta di tensione.


EFFETTO JOULE
Quando una corrente I attraversa una resistenza R si ha il riscaldamento di quest'ultima. E' l'effetto Joule. La quantità di energia W (espressa in Joule) dissipata in calore nel tempo t (espresso in secondi) dipende dal quadrato della corrente I ed è definita dalla relazione in figura.
Immagine
Il fenomeno è indispensabile, ad esempio, nel filamento di una lampadina a incandescenza, nelle stufe elettriche, nei ferri da stiro e nei fusibili posti a protezione degli impianti elettrici. Risulta, invece, inutile e dannoso quando, non avendo la necessità di produrre calore, il circuito elettrico comunque si riscalda durante il funzionamento.

Nei componenti elettrici, se la corrente supera il limite previsto, l'effetto Joule crea surriscaldamento e deterioramento dell'isolante.


p.s. Questa spiegazione per mancanza di tempo è stata riportata dal sito dell' ing. Vito Barone Si ringrazia per la spiegazione

Chi volesse aver maggiori dettagli vi rimando al sito http://www.vitobarone.it/teoria/resist.htm

Mi raccomando attenzione .... forse era piu' semplice come ti avevo detto io .... con la 220 volt non si scherza ... prima di dar fuoco alla casa pensaci bene ...

Avatar utente
Parmenione
Vice-Amministratore
Vice-Amministratore
Messaggi: 2372
Iscritto il: sab ago 25, 2007 9:50 pm
Località: Cesano Maderno
Località: Cesano Maderno (MB)

Messaggio da Parmenione » gio dic 18, 2008 11:05 am

Cavolo Costa...mi inchino al tuo sapere..complimenti :lol: .
Per me l'argomento è quasi un tabù...
Complimenti di nuovo.

emacr
Aspirante Presepista
Aspirante Presepista
Messaggi: 6
Iscritto il: gio apr 10, 2008 11:19 am

Messaggio da emacr » ven dic 19, 2008 8:19 am

costaplus ha scritto:
emacr ha scritto: Ma la soluzione (che proverò appena possibile), potrebbe essere quella di alternare ad ogni lucina una resistenza di 4 ohm circa, che dovrebbe essere quella di ogni lucina.
Non ha senso questa soluzione anche perche' non puoi usare le resistenze solo per creare una caduta di tensione purtroppo si crea anche il fenomeno "EFFETTO JOULE" che riscalda il componente quindi dovresti usare una resistenza ceramica che supporta il calore ...
provo a darti una spiegazione .....

Una resistenza R attraversata da una corrente elettrica I provoca una caduta di tensione e l'effetto Joule.

.....

Nei componenti elettrici, se la corrente supera il limite previsto, l'effetto Joule crea surriscaldamento e deterioramento dell'isolante.

......

Mi raccomando attenzione .... forse era piu' semplice come ti avevo detto io .... con la 220 volt non si scherza ... prima di dar fuoco alla casa pensaci bene ...
Effettivamente hai ragione, non avevo pensato che anche se piccole, le resistenze alla fine si surriscaldavano e con un presepe in cartapesta potrebbe essere pericoloso.
Grazie ancora .
Per il momento rimango con quello che ho fatto, cioe' la prolunga, ma provero' sicuramente la tua soluzione.

Signori cosa dire ....
Questa e' ancora una prova della bellezza di questo forum .
Ecco perche' mi ci sono iscritto e perche' ne parlo a tutti.

Grazie ancora e saluti
e3m4

Gheroppa
Presepista Junior
Presepista Junior
Messaggi: 134
Iscritto il: ven nov 28, 2008 1:15 pm

Messaggio da Gheroppa » dom dic 21, 2008 7:59 pm

Segui Costa, attento sempre che con la 220 non si scherza, io corro in auto da un decennio, sono anch eun po pazzerello, ma quando lavoro con la 220 ci penso sempre 3 volte prima di fare qualcosa :) si sa mai....
Per la resistenza, alal faccia, a conti fatti dovresti usare resistenze di quelle blindate, costo sui 4/6euro cadauna al negozietto sotto casa :) ma poi sarebbe non sense, piuttosto compri led bianchi, lampadine adatte da mettere inserie o parallelo, nel caso conti quante ne userai e dividi per sapere da quanti V ti servano.
le fotoo :)
sembra di sentirlo ancora dire al mercante di liquore: "tu che lo vendi cosa ti compri di migliore?" (De Andrè)

emacr
Aspirante Presepista
Aspirante Presepista
Messaggi: 6
Iscritto il: gio apr 10, 2008 11:19 am

Messaggio da emacr » sab dic 27, 2008 5:32 pm

Come promesso ecco le foto
Un po' mi vergogno visti i capolavori mostrati in questo forum
ma visto che ho intenzione di migliorare non posso fare a meno di mostrarvele
perche' spero mi indichiate tutte le pecche.
Premetto che in effetti questo e' il secondo presepe solo che quello dell'anno scorso era talmente brutto (figuratevi cosa doveva essere) che non ci ho proprio provato a mostarvi le foto.

http://picasaweb.google.it/e3m4cr/Presepe2008#

Saluti a tutti

e3m4

Avatar utente
costaplus
Presepista Junior
Presepista Junior
Messaggi: 167
Iscritto il: lun dic 11, 2006 11:50 pm
Località: MILANO

....

Messaggio da costaplus » sab dic 27, 2008 7:58 pm

Bravo ..... visto che il forum serve ovviamente a migliorare se stessi ... ed' imparare... puntualizzo alcune cosette ...

Hai avuto sicuramente una buona idea di composizione peccato che il tutto manca di colorazione .. dovresti cercare di apprendere di piu' le varie tecniche che ti assicuro sono molto interessanti e rendoono molto bello il tutto sara' per il prossimo anno .... Cmq se ti puo' interessare si trovano in commercio dei libricini carini che rendono molto bene l'idea di creazione presepi e costano circa meno di 10 euro .... ciao alla prossima !

Rispondi